A. CROSS Onlus


Storia e Mission

“A” come Associazione e “Cross” come incrocio, un modo semplice per dire che oggi viviamo un incrocio di popoli che migrano e di culture che si incontrano. Un piccolo gruppo, professioni diverse, molte esperienze al sud del mondo e tutti con la passione per le culture altre. 

Siamo un “soggetto mediatore culturale”, che contribuisce a dare dignità e protagonismo ai poveri in Italia e nei paesi terzi. In particolare ai richiedenti protezione internazionale.

Utenza relativa all'aera di indagine espar

A.CROSS opera in 4 Centri di Accoglienza Straordinaria (CAS) in provincia di Verona, nella zona Garda-Baldo, con circa 120 richiedenti protezione internazionale:

·         principalmente provenienti dall’Africa Sub-Sahariana (80%) o dal Pakistan e dal Bangladesh (20%);

·         con una età media compresa tra i 23 e i 25 anni;

·         di genere quasi esclusivamente maschile;

con un grado di istruzione che, nella maggior parte dei casi, non supera la scuola elementare.


attività

1.     Supporto ed orientamento:

  • mediazione linguistica e culturale;
  • informazione, primo orientamento e assistenza alla formalizzazione della richiesta di protezione internazionale, iter della Commissione ed eventuale ricorso.

2.       Assistenza volta a favorire gradualmente i percorsi di uscita dalla struttura, soprattutto insegnamento dell’italiano, inserimento           nei corsi CPIA, orientamento e inserimento lavorativo)

3.       Assistenza a soggetti vulnerabili come definiti nella fattispecie di cui all’art. 8 del D.lgs. 140/2005.

4.       Assistenza sanitaria

5.       Attività ludico-culturali


operatori coinvolti

·         Coordinatrice del progetto, Economista, 64 anni

·         Una Educatrice e Mediatrice culturale, con formazione in Sociologia e Sviluppo locale, 26 anni;

·         Un Educatore e Mediatore culturale, con formazione in Filosofia, 31 anni

·         Una Giurista, 51 anni

·         Una Psicoterapeuta, 49 anni

    Una insegnante, 59 anni (Volontaria)